Questo sito si avvale di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone accetto si acconsente al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.

Autismo

L'autismo rappresenta una delle più gravi manifestazioni che colpiscono il bambino, sin dai momenti più precoci del suo sviluppo, nella sua capacità di stabilire interazioni con il mondo esterno e quindi di interessarsi, comprendere e partecipare attivamente alle relazioni sociali con atteggiamenti di isolamento e chiusura agli stimoli interpersonali.Talvolta la chiusura che sembra caratterizzare i

Leggi tutto...

Sindrome di Asperger

La sindrome di Asperger, a differenza dell’autismo, pur non essendo caratterizzata, in modo tipico, dalla presenza di anomalie significative nella comunicazione, mostra alcuni aspetti nelle capacità comunicative di interesse clinico.
Una prima caratteristica riguarda la presenza di una povertà nella metrica, anche se le inflessioni e le intonazioni non sono del tutto

Leggi tutto...

Sindrome di Rett

La sindrome di Rett è una patologia progressiva dello sviluppo neurologico che colpisce quasi esclusivamente le bambine, durante i primi anni di vita e dopo un periodo di apparente normalità.
Prende il nome da Andreas Rett, il professore di origine austriaca, che per primo la descrisse nel 1966. A seguito di un’osservazione casuale

Leggi tutto...

ADHD

Il Disturbo da Deficit di Attenzione con Iperattività (ADHD) è una delle patologie psichiatriche più importanti e frequenti ad esordio in età evolutiva.
Può essere osservato con differenti manifestazioni cliniche dall’età prescolare all’età adulta, coinvolge e può compromettere numerose aree dello sviluppo e del funzionamento sociale del bambino, predisponendolo ad altra patologia psichiatrica e/o disagio sociale nelle successive

Leggi tutto...

XFragile

La Sindrome X Fragile è una malattia genetica molto diffusa (l’incidenza è di 1 su 4000 maschi e 1 su 6000 femmine), associata ad un’anomalia del cromosoma X, ossia alla presenza su di esso di una porzione di materiale genetico instabile o una parziale rottura: la frequenza è dell’80% nei maschi e del 30% nelle femmine.

Leggi tutto...