Questo sito si avvale di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone accetto si acconsente al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.

ADHD

Il Disturbo da Deficit di Attenzione con Iperattività (ADHD) è una delle patologie psichiatriche più importanti e frequenti ad esordio in età evolutiva.
Può essere osservato con differenti manifestazioni cliniche dall’età prescolare all’età adulta, coinvolge e può compromettere numerose aree dello sviluppo e del funzionamento sociale del bambino, predisponendolo ad altra patologia psichiatrica e/o disagio sociale nelle successive

età della vita.
Nel 1846, è Hoffman il primo a isolare caratteristiche in alcuni bambini, che successivamente avrebbero rappresentato aspetti salienti della sindrome. Nel 1932 Kramer e Pollnow, a Berlino, descrivono il disturbo ipercinetico.
E’ invece del 1954, a cura di Panizzon, la prima risposta farmacologica a questi comportamenti, difatti, tale studioso, fu il primo a sinteizzare il Metilfenidato, ora alla base di alcuni farmaci, come il Ritalin.
Nel 1980, dunque, in tempi molto recenti, viene individuata la sigla ADD/H, dove l’H sta per la presenza o meno di iperattività, insieme al disturbo principale di inattenzione. Tale dicitura la possiamo trovare nella classificazione del DSM III.
E’ del 1987, la sigla ADHD, nel DSM III-R, dove l’iperattività diventa parte integrante e fissa dell’acronimo e dunque della manifestazione della patologia stessa.
Nel 1982, l’ADHD acquista una propria identità ben definita, distinguendosi definitivamente dal disturbo ipercinetico, individuato con HKD.
Nel 1994, con il DSM IV, vengono ulteriormente aggiornati i criteri di classificazione.