Questo sito si avvale di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone accetto si acconsente al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.

Autismo

L'autismo rappresenta una delle più gravi manifestazioni che colpiscono il bambino, sin dai momenti più precoci del suo sviluppo, nella sua capacità di stabilire interazioni con il mondo esterno e quindi di interessarsi, comprendere e partecipare attivamente alle relazioni sociali con atteggiamenti di isolamento e chiusura agli stimoli interpersonali.Talvolta la chiusura che sembra caratterizzare i

bambini autistici, ha dato adito a supposizioni suggestive sulle motivazioni e i fattori determinanti una così singolare manifestazione: in questa prospettiva il disturbo ha assunto connotazioni molto simili a quelle di un ritiro quasi volontario, in cui l'assenza di linguaggio era interpretata più come un rifiuto dello stesso, piuttosto che come un disordine derivante dal mancato sviluppo o dalla devianza di una linea evolutiva.

A causa della natura enigmatica dell'autismo, attorno a tale fenomeno “sono fioriti miti e leggende assai difficili da sradicare” (Camaioni, 1997), come quello che attribuisce all'inadeguatezza delle cure materne la responsabilità diretta del fenomeno. A tutt’oggi permangono dubbi e controversie circa la natura e le cause di tale disturbo. Di fatto, con il termine Autismo Infantile, ci si riferisce ad un comportamento gravemente disturbato, la cui caratteristica principale è la grave incapacità di entrare in relazione con gli altri.
Sotto l'unica etichetta di “Autismo” sono compresi individui unificabili dal fatto che, a partire dalla prima infanzia, hanno presentato difficoltà nel capire ed esprimere sentimenti e nell'inserirsi in modo reciproco negli scambi sociali. A dispetto di tale comunanza, tuttavia, possono essere diagnosticati come autistici soggetti con caratteristiche sintomatologiche e comportamentali estremamente diverse.
Gillberg e Coleman (2003) considerano l’autismo non come un unico disturbo a spettro ma come una sindrome o una serie di sindromi causate da molte singole patologie diverse e distinte.
Freeman (1997) ha sintetizzato alcuni assunti su cui si basa l'attuale definizione di autismo:

  • è una sindrome clinica ( definita su base comportamentale), poiché non è stato ancora identificato un elemento oggettivo che accomuni tutti i casi dal punto di vista biomedico e perché si caratterizza in sottotipi diversi per eziologia e trattamento;
  • è un disturbo a spettro, che presuppone cioè un continuum di sintomi combinati in modo anche molto diverso tra loro e con livelli di gravità differenti;
  • è una diagnosi in evoluzione perché l'espressione dei sintomi varia secondo l’età e del livello di sviluppo dell'individuo affetto dal disturbo;
  • è una diagnosi di tipo retrospettivo perché richiede un'attenta ricostruzione dello sviluppo dell'individuo dato che l'età di insorgenza e il tipo di manifestazioni variano da individuo ad individuo;
  • è un disturbo ubiquitario poiché diffuso in tutto il mondo, in tutte le razze e in tutti i tipi di famiglie;
  • si presenta spesso in associazione con altre sindromi, disordini specifici e disabilità dello sviluppo.